Viso tonico e pelle elastica. Sono questi i benefici della ginnastica facciale, che serve a mantenere rassodati i muscoli della faccia e a prevenire le rughe d’espressione.

Niente miracoli, sia ben chiaro: il tempo passa e inevitabilmente lascia i segni. Ma fare qualcosa si può e, in questo caso, non richiede né sforzi né sacrifici. Solo 10 minuti al giorno, quindi perché non farli?

Esercizi per la fronte e le arcate sopraccigliari

  • Alziamo le sopracciglia quanto più possibile verso l’alto e, contemporaneamente, con le dita sopra l’arcata sopraccigliare contrastiamo il movimento spingendo verso il basso. Manteniamo la posizione per cinque secondi e rilasciamo.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Ora aggrottiamo le sopracciglia quanto più possibile e, contemporaneamente, con le dita ai bordi dell’incavo orbitale contrastiamo il movimento spingendo verso l’alto. Manteniamo la posizione per cinque secondi e rilasciamo.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.

Esercizi per gli zigomi

  • Solleviamo le guance all’altezza degli zigomi e, contemporaneamente, appoggiamo i polpastrelli delle dita sotto l’incavo orbitale e contrastiamo il movimento delle guance verso il basso. Manteniamo la posizione per cinque secondi e rilasciamo.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Ora, come se volessimo pronunciare la lettera O, apriamo la bocca quanto più possibile e contemporaneamente cerchiamo di trasformare il gesto in un sorriso alzando le guance.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.

Per un risultato ottimale facciamo gli esercizi dopo avere deterso il viso e applicato una crema idratante e nutriente, di solito la mattina o la sera, per mantenere la pelle massimamente elastica.

Una volta a settimana, invece, facciamo uno scrub con un prodotto esfoliante per asportare le cellule morte e favorire la produzione di nuove cellule: sciacquiamo il viso con acqua, spalmiamo l’esfoliante sul viso e massaggiamo delicatamente, insistendo con maggiore pressione dove si formano i punti neri, cioè su naso e mento, ma tralasciando contorno occhi e labbra per non irritare la pelle. Sciacquiamo bene il viso e spalmiamo una crema idratante e nutriente massaggiando dolcemente la pelle.

Esercizi per le labbra

  • Muoviamo la bocca, lentamente, come se volessimo pronunciare consecutivamente le cinque vocali dell’alfabeto (A, E, I, O, U).
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Posizioniamo le labbra come se volessimo dare un bacio e protendiamole all’infuori mentre, con le dita, contrastiamo il movimento cercando di fare tornare le labbra nella loro normale posizione. Manteniamo la posizione per cinque secondi e rilasciamo.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Posizioniamo di nuovo le labbra come se volessimo dare un bacio e solleviamo alternativamente gli angoli della bocca, prima verso destra e poi verso sinistra.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Gonfiamo la bocca con l’aria e serriamo le labbra mantenendo la posizione per cinque secondi, quindi facciamo uscire l’aria lentamente.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.

Esercizi per il mento

  • Apriamo lentamente la bocca allargandola verso il basso quanto più possibile, quindi chiudiamola piano piano.
    Ripetiamo l’esercizio per 20 volte.
  • Incliniamo adagio la testa all’indietro e immaginiamo di masticare un chewing gum “esagerando” i movimenti della bocca.

Consigli

Per un risultato ottimale facciamo gli esercizi dopo avere deterso il viso e applicato una crema idratante e nutriente, di solito la mattina o la sera, per mantenere la pelle massimamente elastica.

Una volta a settimana, invece, facciamo uno scrub con un prodotto esfoliante per asportare le cellule morte e favorire la produzione di nuove cellule: sciacquiamo il viso con acqua, spalmiamo l’esfoliante sul viso e massaggiamo delicatamente, insistendo con maggiore pressione dove si formano i punti neri, cioè su naso e mento, ma tralasciando contorno occhi e labbra per non irritare la pelle. Sciacquiamo bene il viso e spalmiamo una crema idratante e nutriente massaggiando dolcemente la pelle.